martedì 31 marzo 2015

Assad: le crisi in Siria e Ucraina sono state causate per indebolire la Russia

“Le crisi in Siria e in Ucraina sono stati causate per indebolire la Russia e creare Stati fantoccio”. Lo ha dichiarato il presidente siriano Bashar al Assad che non esclude la creazione di una base militare russa nel porto di Tartus, dove attualmente si trova un supporto tecnico della Marina russa.
Secondo il presidente della Siria, le cui dichiarazioni  sono state raccolte durante un incontro con otto agenzie di stampa e mass-media russe a Damasco, la crisi siriana e quella ucraina si somigliano:“In primo luogo, perché entrambi i paesi sono importanti per la Russia. In secondo luogo, perché in entrambi i casi l’obiettivo è quello di indebolire la Russia e creare stati fantoccio”. 
Damasco, poi, “non sarebbe contraria” alla decisione di Mosca di convertire il suo punto di appoggio materiale e tecnico della Marina russa nella città siriana di Tartus. “La decisione – ha evidenziato – dipende solo dai piani militari e politici della Russia”.

A tal proposito, Assad ritiene che “ogni espansione della presenza russa nel Mediterraneo orientale, e in particolare sulle coste e porti della Siria, è la benvenuta”.
“In relazione alla presenza russa in diverse regioni del mondo, tra cui il porto di Tartus nel Mediterraneo orientale,- ha spiegato Assad – è necessaria a mantenere l’equilibrio che è stato perso dopo il crollo dell’Unione Sovietica, 20 anni fa. Per noi, con la presenza Russia nella nostra regione si è rafforzata la stabilità. Mosca gioca un ruolo molto importante per rafforzare la sicurezza in tutto il mondo il ruolo”.
All’incontro hanno partecipato l’agenzia di stampa russa TASS e le agenzie di notizie internazionali: Rossiya Segodnya, Agenzia di Sputnik, Canale Zvezda, Canale Rossiya-24, Canale RT arabo, Radio Sputnik e Giornale Rossiyskaya.
Fonte: spondasud.it


Archivio blog