mercoledì 31 dicembre 2014

Ricerca svizzera: il cancro può autoguarirsi. Diagnosi precoci e chemioterapia sono il vero problema

luigi de marchi
Durante l’8° Congresso nazionale di medicina omeopatica di Verona (1), tenutosi nel novembre 2008, sono stati presentati i risultati di autopsie eseguite in Svizzera su cadaveri di persone morte non per malattia – per esempio, in un incidente stradale – e il loro esito ha comprovato che molte di loro avevano uno o più tumori, ma non sapevano di averli. In questa specifica indagine è risultato qualcosa di sconvolgente:
Il 38% delle donne (tra i 40 e 50 anni) presentavano un tumore (in situ) al seno;
Il 48% degli uomini sopra i 50 anni presentavano un tumore (in situ) alla prostata;
Il 100% delle donne e uomini sopra i 50 anni presentavano un tumore (in situ) alla tiroide.
Con tumore in situ s’intende un tumore chiuso, chiuso nella sua capsula, non invasivo che può rimanere in questo stadio per molto tempo e anche regredire.
Che di tumore si può anche non morire, lo conferma anche lo psicologo clinico e sociale Luigi De Marchi, autore di numerosi saggi conosciuti a livello internazionale: «Non è una rarità che, nelle autopsie sui cadaveri di vecchi contadini delle nostre valli più sperdute, ho trovato tumori regrediti e neutralizzati naturalmente dall’organismo: era tutta gente che era guarita da sola del suo tumore ed era poi morta per altre cause, del tutto indipendenti dalla patologia tumorale».

100 bambini trucidati in una scuola pachistana



Un gruppo di uomini armati è entrato in una scuola in Pakistan e ha ucciso più di 100 ragazzini. 100 BAMBINI! Chi potrebbe mai fare una cosa simile? 

Qualcuno che vede la scuola come il più grande ostacolo al reclutamento di questi bambini per una vita di violenza. L’istruzione non è solo il miglior antidoto possibile contro la povertà, è anche uno dei modi migliori per combattere il terrorismo. Aiuta a uscire dalla disperazione e ad avere un’opportunità. Possiamo rispondere a questa tragedia con un appello globale per dare una scuola a tutti i bambini. 

I nostri governi hanno promesso che tutti i bambini del mondo avrebbero avuto accesso all’istruzione entro la fine del 2015. Possiamo renderlo possibile subito per il Pakistan e altri Paesi:unisciti a questa campagna per onorare nel miglior modo possibile la memoria dei bambini di Peshawar. L’appello verrà consegnato da Gordon Brown, l’Inviato Speciale dell’Onu per l’istruzione globale, al Primo Ministro del Pakistan e ai leader che possono realizzare questo piano. Firmalo anche tu.



Fonte: avaaz.org



lunedì 29 dicembre 2014

LA STORIA UMANA E’ COMPLETAMENTE DA RISCRIVERE

bosnian_pyramid6
Di Debbie West

L’antropologo americano, Dott. Semir Osmanagich, fondatore del Parco Archeologico Bosniaco, il sito archeologico più attivo del mondo, dichiara che le prove scientifiche, ‘inconfutabili’, venute alla luce, sull’esistenza di antiche civiltà con tecnologia avanzata, non ci lasciano altra scelta se non quella di riscrivere la storia umana. Un attento esame, sull’età di alcune strutture sulla Terra, rivela definitivamente che sono state costruite da civiltà avanzate di oltre 29.000 anni fa.
“Riconoscere che siamo testimoni di prove fondamentali dell’esistenza di antiche civiltà avanzate risalenti a oltre 29 mila anni fa, e facendo un attento esame delle loro strutture soc, iali, costringe il mondo a riconsiderare totalmente la sua comprensione sullo sviluppo della civiltà attuale e della sua storia”, spiega il Dott. Semir Osmanagich“I dati conclusivi del 2008 riguardanti il sito della Piramide Bosniaca, e confermati quest’anno da diversi laboratori indipendenti che hanno condotto test al radiocarbonio , hanno rilevato che il sito risale a più o meno 29.400 anni fa, minimo”.
La Piramide Del Sole - Bosnia
La datazione delle prove al radiocarbonio è stata fatta dal RadioCarbon Lab di Kiev, in Ucraina, su materiale organico presente nel sito bosniaco della Piramide. Due archeologi italiani, il dottor Ricarrdo Brett e Niccolò Bisconti, hanno rinvenuto il pezzo di materiale organico sulla piramide l’anno scorso. Sono stati capaci di aggiornare il materiale, e con esso, la piramide stessa attraverso il radiocarbonio. Questa datazione colloca la piramide 20 mila anni prima delle civiltà Sumero e Babilonese. Il fisico Dr. Anna Pazdur dell’Università polacca di Slesia, ha annunciato la notizia in una conferenza stampa a Sarajevo nell’Agosto 2008. Il professore di Archeologia Classica presso l’Università di Alessandria, Dott. Mona Haggag, ha descritto questa scoperta come “scrivere nuove pagine della storia europea e mondiale”. La data di 29.000 anni del Parco Archeologico Bosniaco, è stata ottenuta da un pezzo di materiale organico recuperato da uno strato di argilla che si trovava all’interno dell’involucro esterno alla piramide. Ne consegue una data campione ottenuta, durante la stagione 2012, dai test fatti su materiale che si trova sopra il calcestruzzo, di 24,8 mila anni, il che significa che questa struttura ha un profilo di costruzione che risale a quasi 30 mila anni.

ECCO PERCHE’ VOGLIONO ELIMINARE IL CONTANTE

contante
Nella vita comune, l’utilizzo del denaro contante è una delle cose più normali che esista. La possibilità di utilizzare denaro contante per compensare transazioni commerciali, costituisce elemento di libertà di ogni essere umano, oltre che motore di sviluppo alla crescita economica e al benessere collettivo.
Quotidianamente, avvengono milioni e milioni di transazioni che hanno come contropartita l’utilizzo del denaro contate, senza il quale, con ogni probabilità, parte di queste non avverrebbero mai, o avverrebbero in maniera sensibilmente ridotta
L’utilizzo del denaro contante è semplice, è pratico, è efficace, è veloce e non è costoso.
Questo, unito alla possibilità di utilizzare anche altre forme di pagamento che il progresso tecnologico ha reso disponibile, contribuisce ad elevare il grado di efficienza della società e delle pratiche commerciali le quali, a seconda dei casi, richiedono strumenti di pagamento più o meno consoni a talune tipologie di spese
Ridurre o eliminare del tutto l’utilizzo del denaro contante nelle pratiche commerciali, implicherebbe che chi ha uno stipendio, ad esempio, dovrà riceverlo obbligatoriamente in banca. Così come ogni sostanza contante di cui si dispone, dovrà essere depositata in banca, e da lì spesa attraverso la moneta elettronica.
Di colpo, grazie ad un atto normativo, il cittadino verrebbe privato oltre che di questa forma di libertà (cioè quella di utilizzare il contante), anche dell’unica forma di dissenso a sua disposizione nei confronti del sistema bancario. Per contro, le banche verrebbero graziate in quello che per loro costituisce il vero e proprio incubo: la corsa agli sportelli.

Scienziati scoprono scudo energetico stile "Star Strek" attorno alla Terra

Immagine
Alcuni scienziati hanno scoperto qualcosa di veramente notevole nell’atmosfera terrestre: uno scudo invisibile, a circa 11587 chilometri, sopra la Terra, una “corazza” che gli scienziati stanno paragonando ai campi di forza (o scudo deflettore) del film Star Trek.


Secondo il sito “Colorado.Edu” questo scudo è stato scoperto nelle fasce di Van Allen, due anelli a forma di ciambella sopra la Terra che sono pieni di elettroni ad alta energia e protoni. Ricordiamo che le fasce di Van Allen si gonfiano e si restringono in risposta ai disturbi di energia in arrivo dal Sole.

Le fasce di Van Allen sono state scoperte nel 1958 e tuttavia gli scienziati hanno individuato solamente due cinture, una interna e l’altra esterna che si estendono fino a 40233 chilometri circa sopra la superficie terrestre. Il dottor Baker, autore principale di questo studio, ha dichiarato che è come se gli elettroni si trovassero in una parete di vetro nello spazio. 

Il giudice: “Se la cura Di Bella è efficace, la paghi lo Stato. Oltretutto costa meno”


di Gioia Locati

Arriva dal tribunale di Foggia una sentenza importante a favore del metodo Di Bella. Due donne, entrambe alle prese con una recidiva da tumore al seno, sono riuscite a fermare il cancro grazie alla terapia messa a punto dal professor Luigi Di Bella. Prima di pronunciarsi, il giudice Mario De Simone ha nominato un perito d’ufficio, il Ctu.
Le pazienti avranno diritto al rimborso della cura dalla Asl di Foggia perché, su di loro, il metodo Di Bella “si è rivelato efficace e insostituibile, essendo fallite le prescrizioni terapeutiche offerte dalla medicina ufficiale”. Ribadisce il giudice che “una terapia farmacologica è indispensabile se è efficace ed è insostituibile se, per le particolari condizioni del soggetto, gli altri farmaci del prontuario dovessero risultare incompatibili o concretamente inefficaci”. Non solo. Per la prima volta è stato posto l’accento sul risparmio. La cura Di Bella “risponde al principio dell’economicità poichè i farmaci di questa terapia hanno un costo inferiore rispetto a quelli del circuito oncologico ufficiale”.

Il terrore viene dal mare

Due esemplari catturati al largo di Amantea
Di Roberto De Santo

Alcuni pescatori hanno catturato a Campora San Giovanni 14 tonnetti malformati. Una vicenda che richiama quanto accaduto lo scorso anno al largo di Fiumefreddo

Due esemplari catturati al largo di Amantea

AMANTEA Se non è ancora allarme, poco ci manca. Ma l’ipotesi che qualcosa nei fondali del Tirreno cosentino stia accadendo sembra sempre più prendere consistenza e forma. Nelle scorse settimane e per due pescate di seguito, al largo di Campora San Giovanni, alcuni pescatori locali hanno catturato quattordici esemplari di tonnetti “alletterati” (una delle specie di tonno più diffuse nel Mediterraneo, la peculiarità sta nella colorazione azzurro-bluastra sul dorso), tutti con una malformazione alla colonna vertebrale. A destare preoccupazione, soprattutto, la circostanza della ripetitività delle catture nella stessa zona. I pescatori amatoriali, infatti, allarmati dalla strana conformazione dei primi 12 tonnetti catturati, sono ritornati nei pressi dello specchio d’acqua – nei pressi del porto della popolosa frazione di Amantea – dove avevano abboccato i pesci e lì ne hanno raccolto altri due trovandoli anch’essi con la stessa anomalia.
Una vicenda che si tinge decisamente di nero alla luce di un’altra storia simile segnalata dal Corriere della Calabria lo scorso anno, quando a settembre del 2013 altri pescatori amatoriali catturarono – non lontano dalla costa di Fiumefreddo Bruzio e dunque a pochi chilometri di distanza da Campora – altri esemplari sempre della stessa specie e con l’identica malformazione scheletrica: la spina dorsale bifida.

PENSIONI A RISCHIO: Il sistema Inps sta collassando! Ecco perché.

inps-collasso
12,8 miliardi di euro di buco nel bilancio del 2013 per l’INPS , sono questi gli scomodi dati che nessuno pubblicizza ma sono lì alla portata di tutti: per quanto ancora verranno erogate le pensioni?
Il buco del triennio 2011 – 2013 sarà pari a 38 miliardi di euro, una cifra spaventosa, che riporta alla ribalta la necessità di fare una seria e drammatica riforma delle pensioni – che bisogna ricordare – è la voce con le uscite più alte nel Bilancio dello Stato. 
Certo: non andando a toccare le pensioni sotto i 1.000 euro, ma ad esempio tagliare le pensioni sopra i 3.000 euro, altrimenti tra un po’ di tempo o fallisce tutto il sistema Italia o in un futuro non troppo lontano, l’INPS sarà costretta a non erogare più le pensioni.

Ida Magli: “L’Unione europea non esiste, è il trionfo della massoneria”

Nel 2015 compirà 90 anni, gli ultimi 20 passati ad attaccare l’idea e la realizzazione dell’Europa unita. Lei è Ida Magli, la celebre antropologa che 17 anni fa, con il saggio Contro L’Europa, suscitò parecchio scalpore. Ora torna a ribadire le sue accuse in una lunga intervista concessa ad Italia Oggi.
C’è chi considera la Magli una Cassandra, chi invece – per mutuare un termine renziano – una sorta di gufo. Di sicuro, lei, le idee le ha chiare, scrive libero. Tempo fa la Magli chiedeva a gran voce lo stop all’unificazione, ma “oggi – spiega – è difficile. A causa dell’ignoranza tecnica dei politici che, mi creda, è brutale”. Secondo l’antropologa, infatti, “c’è un’indifferenza a qualsiasi fatto che possa far ripensare a quello che hanno progettato. Sento citare di nuovo Romano Prodi”, ossia “il responsabile del nostro ingresso nella moneta unica“. E oggi, continua, “con l’euro siamo tutti più poveri”.
Progetti sbagliati – La Magli, prima ancora che contro la moneta unica, puntava il dito contro il concetto di Europa unita “perché era un progetto sbagliato. L’Europa è giunta a essere quella che è per la storia delle varie nazioni che la compongono”. E ancora: “Il punto è che non esiste un’idea di Europa. Guardi, ho fatto tante ricerche ma non ho mai trovato il delinearsi di un popolo europeo“. L’unificazione, insomma, è stata un errore poiché “non era possibile farla se non perdendo tutte le ricchezze europee”. La Magli prosegue: “Si pensa di poter fare l’unità così. Così come si è pensato di fare lo stesso con la moneta unica, dimenticando che la moneta è lo strumento di un popolo e non la si può imporre fuori dall’economia dei singoli Stati“.

Il mistero dei giganti in Sardegna - VIDEO

Redazione informatitalia

Può sembrare incredibile, ma alcuni ricercatori in Sardegna sostengono che migliaia di anni fa, sull'isola vivessero dei giganti; e sostengono di possedere prove a sostegno di questa teoria. Hanno trovato delle ossa che secondo questi ricercatori apparterrebbero a questi giganti primitivi. Ecco alcune inchieste sul caso:


http://youtu.be/AB8GVA6AeHQ

Un gruppo di speleologi e ricercatori ha condotto e continua a portare avanti una difficile indagine in Sardegna, la terra dei nuraghi e delle tombe dei giganti, dove tante persone asseriscono di "aver scoperto ossa umane giganti". Questo video (duplicazione vietata) contiene una minima parte delle numerose interviste raccolte da Marcello Polastri, giornalista e presidente di un team speleo archeologico che nel 2007 ha pubblicato su questo tema un libro-inchiesta. In tanti hanno confessato al microfono di Polastri e davanti alla telecamera di aver visto ossa umane e scheletri giganti, di aver rintracciato nei libri la loro storia, "volutamente occultata". 

Ma come mai? Perchè? Stiamo cecando di scoprirlo e stiamo cercando altri reperti perchè stavolta, qualcosa, è davvero trovata! Miti e mitomani a parte, i tombaroli stanno distruggendo splendidi siti storici: contenevano forse ossa abnormi?

Gli accademici sostengono che questo sia solo un mito, altri studiosi non legati alle accademie sarde affermano: potrebbe essere tutto vero! 

Di questo argomento si è occupata la tramissione Tv Mistero (Mediaset), la rivista nazionale Cronaca Vera e, ancor prima, Marcello Polastri ha pubblicato una dettagliata inchiesta, ponedo seri e scomodi quesiti. 

Guarisce da tumore esteso e metastasi con la dieta vegana

veronica
Questa è la storia di Veronica. Che due anni fa ha scoperto un tumore già esteso. E, dopo poco, recidive ad altri tre organi. Nonostante 11 cicli di chemioterapia (sei la prima volta e cinque la seconda) c’erano ancora quattro metastasi, al fegato e ai polmoni. “Non potevo più continuare con la chemioterapia, ero piegata dai dolori e soggetta a crisi convulsive” racconta lei che ora ha 54 anni e sta bene.
L’oncologia ufficiale non ha dato alternative a Veronica, il protocollo è quello. E lei, che ha due fratelli medici, uno in Messico (ematologo) e uno in Francia (immunologo), ha scelto da sola la sua terapia salvavita, un mix di sana alimentazione e integratori. “Ma prima di ingerire qualcosa, chiedevo puntualmente il loro parere”. E l’ok è sempre arrivato.
Veronica è violinista. Non ha mai abbandonato il suo lavoro di orchestrale, neppure nei momenti peggiori. “La musica è la mia vita – dice – Ho scelto di non rinunciare ai concerti, anche quando avrei rischiato di ammalarmi stando in mezzo alla gente perchè avevo le difese immunitarie azzerate dalla chemio”.

Putin firma nuova dottrina militare: nomina NATO e USA come minacce principali

Il sottomarino a propulsione nucleare Yury Dolgoruky (RIA Novosti / Pavel Kononov).
La Russia ha adottato una versione aggiornata della sua dottrina militare, che riflette l’emergere di nuove minacce contro la sua sicurezza nazionale. Sono elencati tra di esse il riarmo militare della NATO e la strategia dell’American Prompt Global Strike (trad.: “Attacco Fulmineo Globale Americano”, lo sviluppo di un sistema inteso ad assicurare un attacco di precisione con armi convenzionali ovunque nel mondo entro un’ora, NdT).
La nuova dottrina è stata approvata venerdì 26 dicembre dal presidente Vladimir Putin. Il suo nucleo rimane invariato rispetto alla versione precedente. Le forze armate russe rimangono uno strumento di difesa che il paese si impegna a utilizzare solo come estrema risorsa.
Rimangono invariati anche i principi sull’uso delle armi nucleari ai quali aderisce la Russia. Il loro obiettivo primario è quello di scoraggiare i potenziali nemici dall’attaccare la Russia, ma sarebbero utilizzate per proteggersi da un attacco militare – sia nucleare che convenzionale – qualora questo minacciasse la sua esistenza.
Le nuove sezioni della dottrina delineano la minaccia vista dalla Russia nell’espansione militare e riarmo della NATO e nel fatto che l’alleanza sta assumendo «funzioni globali realizzate in violazione del diritto internazionale.»

Ribellarsi ad uno Stato parassitario

E’ una strage silenziosa quella di centinaia di imprenditori suicidati per pagare i privilegi di uno Stato forte coi deboli. Eppure secondo mister Renzi, la gente è ricca ma ha solo paura di spendere.
- di Roberta Barone -
Il dizionario definisce il parassita come colui che “vive parzialmente o totalmente a spese di un altro individuo”, sfruttatore, improduttivo, socialmente inutile. Paragonarlo allo Stato italiano oggi non è certo fuori luogo. Come non lo è parlare dei cosiddetti paradisi fiscali, luoghi invisibili che però hanno il grande potere di trasformare in enormi ricchezze i sacrifici ed il lavoro di migliaia di disgraziati. Le tasse non finiscono mai, i servizi pubblici si fanno sempre più scadenti per lasciare il posto al lucro delle compagnie private ed i meno fortunati sono destinati a soccombere in un triste destino. E’ la democrazia, bellezza! Ti dicono che sei fortunato perché vivi in una democrazia, che hai la libertà di dire tutto quello che ti passa per la testa (pazienza se nessuno ti ascolta) e che, tempi addietro, potevi lasciare le porte aperte perché ‘non c’era nulla da rubare’. Ma come la usi oggi questa libertà tanto inneggiata se poi non hai mezzi, le possibilità, se per accontentarti di un misero lavoro sei costretto a nascondere la tua laurea dal curriculum ed emigrare in Germania?

Ho smesso di fare l’avvocato perché la giustizia non esiste

Franceschetti
Perché ho smesso di fare l’avvocato? Perché preferisco insegnare il diritto teorico, ovverosia un’utopia, piuttosto che praticarlo. Perché per secoli la giustizia ha sempre condannato povera gente, contadini, schiavi, poveri, e mai i ricchi, i nobili, i potenti. E oggi non è diverso. A essere condannati sono ragazzi tossicodipendenti, contadini, spazzini, casalinghe, senzatetto, malati di mente, al massimo qualche studente. Mai politici, magistrati, architetti, avvocati, notai, agenti dei servizi segreti, poliziotti, carabinieri. Quelli, al massimo, si “suicidano”. Perché mi hanno sempre offerto di più per non difendere alcuni clienti che per difenderli, ove normalmente non si ricava nulla. Perché la stragrande maggioranza degli avvocati e dei magistrati il diritto non lo conosce. E in fondo fa bene, perché il diritto non viene mai applicato veramente. Perché la difesa dei deboli non è mai stata possibile nei secoli scorsi, e non si poteva pensare che dopo millenni di soprusi il cambiamento di un sistema legislativo potesse comportare anche un cambiamento di mentalità.
Perché non ci sarà mai una vera giustizia finché non verrà applicato quell’articolo del codice deontologico secondo cui l’avvocato ha il dovere di dire la verità e di collaborare col giudice per la ricerca della verità, ma questo presuppone: che imagistrati cerchino la verità e non il proprio interesse, cosa allo stadio attuale dell’evoluzione umana impossibile; che gli avvocati non colludano col cliente che delinque. Perché nessuno vuole che la giustizia funzioni veramente, e quindi ogni riforma non fa che peggiorare il sistema già traballante, in quanto tra le tante falle del sistema si insinuano e camminano spediti i corrotti, i criminali, i favoriti. Perché nelle cause più importanti ho sempre vinto dove avevo torto e perso dove avevo ragione. Perché in Italia (ma anche all’estero) non c’è mai stato un vero processo per strage, o per un delitto grave, in cui si sia saputa la verità. Perché le leggi sono fatte da chi commette i crimini più innominabili, e quindi sono già pensate in anticipo per mandare assolti i colpevoli.

domenica 28 dicembre 2014

Caramelle gommose, la gelatina ottenuta con le ossa degli animali


Si chiama 'colla di pesce' e non tutti sono a conoscenza di questo ingrediente

Oltre ad essere ricche di glucosio, zucchero e destrosio e aromi le caramelle gommose spesso contengono anche un ingredienti di cui non tutti sono a conoscenza, la gelatina E441, erroneamente chiamata anche “colla di pesce”, in quanto si tratta di un prodotto ottenuto da parti animali come ossa, legamenti e pelle. Leggiamo sul sito Retesi24:

“Hanno forme e colori allegre e rassicuranti e mettono di buon umore solo a vederle. Le caramelle gommose sono la passione di tante bambine e tanti bambini, e non solo. Tuttavia, anche se non tutti lo sanno, questi particolari tipi di dolci non sono fatti di solo zucchero ma, incredibilmente, molto spesso anche di ingredienti di origine animale.

In alcune delle caramelle in commercio infatti si legge, tra gli elementi contenuti, la sigla E441 che sta ad indicare una gelatina animale chiamata “colla di pesce” che, a dispetto del nome è ricavata normalmente dalle ossa di maiali ed altri animali d’allevamento. Inoltre,un’inchiesta di Altroconsumo di qualche anno fa dimostrò la presenza, in alcuni dei 35 tipi di caramelle gommose prese in oggetto, la presenza di coloranti. In alcuni casi fino a cinque tipi di coloranti diversi nello stesso prodotto, sebbene in quantità mai superiori ai limiti di legge.

Ecco a quali preoccupanti livelli è arrivato l’inquinamento in Cina..e nel Mondo!

Con una crescita economica che sfiora il 10% all’anno, nella gigantesca Cina il problema ambientale è stato nascosto in un remoto cassetto dell’élite al comando. La nazione più popolata al Mondo “vanta” anche altri tristi primati, come il maggior numero di nascite con malformazioni fisiche e il Paese con l’aria più inquinata al mondo.
Di fronte a questa gigantesca catastrofe ambientale, e all’opinione pubblica sempre più spaventata per la propria salute e del futuro, i leader mondiali accennano una piccola deviatura verso le energie cosiddette “pulite” e rinnovabili. Comunque briciole di fronte ad un’emergenza di tali proporzioni, per molti si è di fronte ad un punto di non ritorno. A dimostrazione di queste affermazioni ecco 32 immagini che mostrano la drammatica situazione ambientale in Cina.
inquinamento cina 1
inquinamento cina 2
inquinamento cina 3

Il petrolio come arma geopolitica di distruzione di massa

Il petrolio come arma geopolitica di distruzione di massa

Il prezzo del petrolio è di nuovo sceso al di sotto del livello minimo storico. Stando agli esperti il suo prezzo toccherà ben presto il fondo per iniziare poi una risalita.

Martedì il prezzo del petrolio Brent del Mare del Nord è calato a meno di 60 dollari al barile. Secondo l’opinione di una serie di analisti, i prezzi sono caduti più di quanto lo richiedessero i principi di mercato. Tale stato delle cose è dovuto come minimo a due motivi, rileva Rustam Tankaev, esperto dell’Unione dei petrolieri della Russia:
In questo caso operano, purtroppo, fattori difficilmente controllabili dall’esterno. Il primo fattore è lo Stato islamico che immette sul mercato mondiale petrolio a prezzi stracciati. I guerriglieri vendono il petrolio per comprarsi armi e munizioni. Anche se è vero che poi il petrolio viene fatto passare attraverso alcune mani per nascondere le tracce del contrabbando. Ma arriva lo stesso sul mercato ad un prezzo inferiore a 60 dollari al barile. Il secondo fattore è la guerra dei prezzi condotta dall’Arabia Saudita contro il petrolio da scisti prodotto negli USA. Sono questi processi a determinare il basso livello dei prezzi. Per quanto riguarda lo Stato islamico, gli americani devono porre fine al contrabbando del petrolio dalle zone occupate dai guerriglieri. Mentre i sauditi non riusciranno a mantenere i prezzi ad un livello basso. È da aspettarsi prossimamente un aumento dei prezzi. Tanto più che con i prezzi bassi del petrolio ne cresce il consumo, il che incide sul rapporto tra domanda e offerta.

sabato 27 dicembre 2014

Come aiutare i cani che hanno paura dei botti di Capodanno

Come aiutare i cani che hanno paura dei botti di Capodanno.

in foto: Una tana sicura aiuta il nostro cane a calmarsi
[Foto di Randy Robertson]
Ogni anno è la stessa storia, centinaia di cani terrorizzati non vogliono uscire di casa o rischiano di essere investiti perché scappano quando sentono il rumore dei petardi. Cosa possiamo fare per aiutare il nostro migliore amico a 4 zampe?

Metodi per aggirare l'ostacolo

Ognuno ha il proprio metodo, chi trascorre la notte di Capodanno in auto, lontano dai fuochi d'artificio, chi più fortunato riesce a trascorrere qualche giorno in montagna o campagna isolato dai rumori e chi ancora alza al massimo il volume della televisione nella speranza di coprire i botti. Di certo queste soluzioni possono aiutarvi sul momento, se siete fortunati, ma non sempre sono attuabili, e i rumori non possono essere sempre previsti, dobbiamo dunque prevenire oltre che curare.

Prevenzione al trauma

Studio inglese: si può morire per amore: il cuore non regge e cede

Che non si muore per amore è una gran bella verità. Le parole di Lucio Battisti forse ce le possiamo dimenticare o continuare ad ascoltarle illudendoci che abbia ragione.
Già, perché studi inglesi ad hoc dimostrano il contrario: il dolore di un amore che finisce può essere letale.
La ricerca ha preso in considerazione le condizioni di salute di 110mila inglesi tra i 60 e gli 89 anni, che sono stati seguiti per sette anni. In questo lungo periodo di osservazione circa un terzo delle persone del campione (se non è morto) è rimasto vedovo. E qualcuno di questi vedovi non ha retto al dolore, morendo nel giro di un mese dal decesso del proprio coniuge.

Contratti di lavoro, ecco le cinque novità che potrebbero riguardare tutti

Come cambia il lavoro con l'approvazione del Jobs Act? Ecco in cinque punti le principali modifiche apportate dal Governo con questa riforma:
1- Per i nuovi assunti, contratto a tutele crescenti ma niente reintegro
Le tutele crescenti sono l'ossatura del nuovo contratto di lavoro a tempo indeterminato. Quando il decreto legislativo sarà in vigore, tra un mese, chi verrà assunto (per la prima volta o perché cambia lavoro) con il contratto a tutele crescenti non avrà più le protezioni sui licenziamenti previste dall'articolo 18 dello Statuto. Il diritto al reintegro nel posto di lavoro scatterà solo per i licenziamenti discriminatori e per quelli disciplinari, se il giudice accerterà che il fatto contestato non sussiste. Altrimenti ci sarà un indennizzo da 4 a 24 mensilità.
2- Oltre i 15 addetti, salta l'articolo 18
Il nuovo contratto a tutele crescenti vale per tutte le assunzioni. Non ci saranno quindi più differenze in base alle dimensioni dell'azienda (ora le regole cambiano superata la sogli dei 15 dipendenti). Anzi, le imprese che supereranno il limite dei 15 grazie ai lavoratori a tutele crescenti, non saranno più soggette ad applicare l’articolo 18 dello Statuto (né sui vecchi né sui nuovi assunti). Le aziende saranno pertanto incentivate a crescere (anche perché oltrepassando la soglia dei 15, potranno in certi casi veder scendere l’indennizzo cui hanno diritto i licenziati).

Ribellarsi e non pagare le tasse facendo appello alla costituzione è possibile,ma nessuno ne parla

L’Art.53 della Costituzione e l’Art.54 del codice penale messi insieme costituiscono una”barriera”per chi è sopraffatto dalle tasse,ma nessuno ve lo dice.

Art.53 della Costituzione
Tutti sono tenuti a concorrere alle spese pubbliche in ragione della loro capacità contributiva.
Il sistema tributario è informato a criteri di progressività.
Avete capito bene?Bisogna pagare IN RAGIONE ALLA VOSTRA CAPACITA’ CONTRIBUTIVA,se non incassate non pagate…
Art.54 del codice penale
Non è punibile chi ha commesso il fatto per esservi stato costretto dalla necessità di salvare sé o altri dal pericolo attuale di un danno grave alla persona, pericolo da lui non volontariamente causato, né altrimenti evitabile, sempre che il fatto sia proporzionato al pericolo.”
Quindi NON E’ PUNIBILE CHI HA COMMESSO IL FATTO (di non aver pagato) PER ESSERVI STATO COSTRETTO DALLA NECESSITA’ DI SALVARE SE‘ (dal collasso economico),DAL PERICOLO ATTUALE DI UN DANNO GRAVE ALLA PERSONA(danni psicologici,morali,depressione ecc dovuti al collasso economico)
Di seguito vi mostriamo un video di Alessandra ‪‎Marazzi‬ tenace imprenditrice e onesta cittadina che denuncia giustamente il peso insopportabile delle ‪‎tasse‬ facendo appello ai due articoli sopra citati.
Prendiamo esempio da questa donna coraggiosa e ribelliamoci a questa‪ dittatura‬ finanziaria che ci rende schiavi “inconsapevoli” di avere (ancora per poco,fino a quando non la renderanno “carta straccia”) alle spalle una costituzione che ci protegge.
http://youtu.be/EzTtYX7xLGI


Fonte: terrarealtime.blogspot.it


L’Australia vieta le lampade abbronzanti: "epidemia di melanomi, dati choc"



La voglia di abbronzatura a tutti i costi appare sempre più pericolosa e, dopo il Brasile, anche l’Australia, a partire dal 1° gennaio 2015, ha vietato l’uso delle cabine UV a causa del rischio di sviluppare il melanoma, un tumore maligno della pelle.

L’Australia è particolarmente sensibile a questo problema, anche a causa del buco nell’ozono sopra la regione antartica, risultando uno dei paesi più esposti ai raggi ultravioletti.

“Si stima che ogni anno 280 casi di melanoma sono causati da cabine UV, e che un giovane su sei sviluppa il melanoma”, ha detto un funzionario del Cancer Council ONG, Craig Sinclair.

Alcuni studi, inoltre, sostengono che l’uso regolare prima di 35 anni raddoppia il rischio di melanoma, e i dati lo confermano comunicandoci che 43 australiani muoiono ogni anno dopo l’utilizzo di queste cabine.

Fatto sta che l’Australia è ai primi posti nel mondo per quanto riguarda la presenza del melanoma, con 11mila casi diagnosticati ogni anno. Nel 2011, circa 2mila persone sono morte a causa del cancro della pelle e, in oltre 1500, è stato riscontrato il melanoma.

L’avvocato dei consumatori: “Ecco i 10 motivi per i quali non ho una carta di credito”

L’avvocato Ralph Nader, ambientalista e saggista americano, da anni impegnato sul fronte dei diritti dei consumatori, scende in campo contro il consumismo e contro uno degli strumenti per alimentarlo: la carta di credito. E spiega perché lui ha scelto di tenerla lontana da sé.

di Giovanni Fez 

“L’industria” delle carte di credito permette di controllare in maniera molto stringente i mercati, le merci e i…consumatori, molto più, naturalmente, del denaro contante. Questo lo sa molto bene l’avvocato americano Ralph Nader che negli States è un vero e proprio punto di riferimento per i diritti dei consumatori e per gli attivisti ambientalisti. E l’esclusione dei contanti dalle transazioni è andata via via aumentando in proporzione all’aumento e alla diffusione del mercato di beni e servizi tanto che oggi, soprattutto negli States ma ora anche in Italia, molti di questi non possono di fatto essere acquistati se non attraverso una carta di credito o strumento analogo. E il trend è quello di limitare sempre di più l’utilizzo del contante.
Per molti può essere conveniente, ma chi appartiene alle fasce di popolazione a basso reddito può trovarsi nella condizioni di dover chiedere un’estensione del credito pagando poi costi nascosti. Comunque sia, l’avvocato Ralph Nader, dal canto suo, ha deciso di non possedere né utilizzare la carta di credito e spiega le dieci ragioni della sua scelta.
1. La carta di credito conduce ad una massiccia invasione della privacy; i dati personali di chi acquista circolano nel mondo senza controllo. I data base divengono accessibili sia da parte dei governi che da parte degli hacker. E’ praticamente impossibile impedire la circolazione delle informazioni personali.

Antitrust, maxi multa da 500.000€ a trip advisor!

L'ANTITRUST MULTA TRIPADVISOR PER 500.000 EURO PER ''PRATICHE SCORRETTE'' (IN FRANCIA MULTE PER EXPEDIA E HOTELS.COM)

L'ANTITRUST MULTA TRIPADVISOR PER 500.000 EURO PER ''PRATICHE SCORRETTE'' (IN FRANCIA MULTE PER EXPEDIA E HOTELS.COM)

Chi la definisce una decisione "storica" e chi "irragionevole"(ovviamente, la società condannata). Senza dubbio sara' una decisione che fara' molto discutere visto anche il fatto che in Italia TripAdvisor e' seguitissimo e proprio un'utente italiana e' stata la piu' attiva del mondo nel 2014.

L'Antitrust ha inflitto una multa di 500 mila euro a TripAdvisor Italy Srl e TripAdvisor Llc, la societa' statunitense che gestisce il sito di recensioni per "pratica commerciale scorretta" sulle recensioni online degli alberghi.

Nel pubblicizzare la propria attivita' - secondo l'Autorithy - TripAdvisor "enfatizza il carattere autentico e genuino delle recensioni, inducendo cosi' i consumatori a ritenere che le informazioni siano sempre attendibili, espressione di reali esperienze turistiche". L'indagine parte da una segnalazione dell'Unione Nazionale Consumatori, di Federalberghi e di alcuni consumatori: l'Autorita' guidata da Giovanni Pitruzzella ha accertato la scorrettezza della pratica commerciale realizzata, a partire da settembre 2011 e tuttora in corso, da TripAdvisor LLC e da TripAdvisor Italy.

Benigni, un patrimonio tra società, case, terreni e latte in polvere

Benigni, un patrimonio tra società, case, terreni e latte in polvere
Fa ascolti, incassi e soldi Roberto Benigni. Soldi che sa anche investire molto bene. Perché il comico/attore/regista ha un ottimo senso degli affari. Con la moglie Nicoletta Braschi, infatti, Roberto Benigni ha un piccolo impero: riporta il Giornale che il bilancio 2013 della Melampo Cinematografica, società più importante della famiglia, al 50% di Roberto e al 50 di Nicoletta, attraverso la quale passano anche i contratti con laRai ha chiuso con un utile di 2.741.828 euro (più del doppio del bilancio precedente). E alla voce "ricavi delle vendite e delle prestazioni" si trova l'importo di oltre sei milioni di euro che è molto probabilmente riconducibile al cachet pagato dalla tv di Stato al premio Oscar.
La Hollywood umbra - Tant'è. Un altro affare che hanno fatto i Benigni riguarda la vendita della Spitfire alla Cinecittà Studios. La Spitfire si chiamava Cinecittà Papigno dal nome del borgo umbro dove Benigni creò il lager de La vita è bella. Il progetto era di farne poi una piccola Hollywood ma, nonostante i finanziamenti degli enti locali, non è mai decollato e oggi gli studi sono abbandonati. Ma i coniugi sono riusciti a venderli lo stesso per 1 milione e 400mila euro.
Case e latte - Ma non solo. Oltre alla Melampo e ad altre società, fra cui laTentacoli Edizioni musicali che detiene i diritti delle colonne sonore dei film, i Benigni hanno anche una società immobiliare, ventuno case, ventiterreni, una villa esclusiva nell'arcipelago della Maddalena, e persino una società, la Sicura srl di Cesena che vende latte in polvere per neonati e che ha fatturato un milione e mezzo di euro. 


Fonte: liberoquotidiano.it


venerdì 26 dicembre 2014

Quercetina, l'incredibile molecola che blocca il cancro!

Secondo un studio del CNR può migliorare l’efficacia dei farmaci antitumorali nella cura della leucemia

La quercetina è un potente antiossidante che si trova in numerosi cibi, tra cui il cappero, l’uva rossa e il vino rosso, la cipolla rossa, il tè verde, il mirtillo, la mela e il sedano. Assumendola si possono risolvere vari problemi come i disturbi cardiaci e vascolari, le infezioni della prostata e le allergie. La quercetina, inoltre, previene i danni del colesterolo, riduce la pressione sanguigna nelle persone che hanno l’ipertensione e alcuni studi sembrano confermare la sua importanza nella prevenzione del cancro. Secondo uno studio del Cnr di Avellino pubblicato on line sulla rivista Leukemia, la quercetina può migliorare l’efficacia dei farmaci antitumorali nella cura della leucemia:
Mele, cipolle, tè e vino rosso: sono alimenti o farmaci? Alimenti con effetti salutistici potrebbe essere la risposta e, questo, grazie alla presenza di una piccola molecola ad attività antiossidante, laquercetina, che secondo uno studio dei ricercatori dell’Istituto di scienze dell’alimentazione (Isa) del Consiglio nazionale delle ricerche di Avellino potrebbe essere utilizzata nella terapia delle leucemie.

Renzi assume al ministero un altro fedelissimo


Guadagnerà 100mila €. E' stato assunto da Renzi. Ma lui non è una persona qualunque...

Un altro fiorentino a Palazzo Chigi, un altro fedelissimo, ex assessore a Firenze con Nardella e fratello della deputata PD Lorenza Bonaccorsi, che gli presentò Renzi una decina di anni fa. Lui è Filippo Bonaccorsi, chiamato da Renzi al Ministero dell'Istruzione. Guadagnerà 100.000 euro. 

Leggiamo nei dettagli

Da privatizzatore di Ataf a dirigente di Palazzo Chigi, nella cabina di regia che gestisce un miliardo di euro per migliorare le scuole. Filippo Bonaccorsi, a dire la verità, nel frattempo ha pure fatto pure per dieci mesi l'assessore alla mobilità di Palazzo Vecchio, dove però non andava granché d'accordo con il sindaco in pectore Dario Nardella. 

Archivio blog