domenica 30 novembre 2014

"TTIP": lo strapotere delle multinazionali diventa legge! GUARDA & DIVULGA!!!

VIDEO IMPORTANTE DA GUARDARE E FAR GIRARE OVUNQUE!





Su Facebook il video lo trovi QUI




Una foto con i centurioni al Colosseo? 40€ Quaranta!


Continuiamo a spennare i turisti... ma non lamentiamoci
quando ogni anno perdiamo posizioni nella classifica
del turismo... 
Di Staff nocensura.com

Della situazione di profondo degrado in cui versa la nostra Capitale ne abbiamo parlato a più riprese. Sporcizia, questuanti molesti presso tutti i monumenti principali, falsi facchini che spennano i turisti alla stazione e impongono il pizzo a chi vuole acquistare il biglietto delle metro, dove operano decine di borseggiatori. (Vedi il Dossier Roma)

Per non parlare poi, della situazione che devono sopportare coloro che vivono in quartieri "periferici", anche se ormai con questa 'etichetta' viene inclusa anche Tor Pignattara, che non dovrebbe esser considerata "periferia", visto che dista pochi km dal centro.

L'Espresso ha realizzato un reportage sul degrado in cui versa Roma, composto da 10 video. (vedi il Reportage sul sito de l'Espresso)

Tra i video che compongono il servizio de l'Espresso ce ne è uno che ci ha particolarmente colpito. Al colosseo i centurioni hanno spillato addirittura 40€ - quaranta! - per una foto in posa. Durata dell'operazione, 20 secondi. Oltretutto di euro, ne pretendevano sessanta, confida la sventurata turista al cameraman che la intervista. (vedi il servizio sui centurioni)

La Capitale ce la mette davvero tutta per rendere brutto il soggiorno dei turisti in uno dei luoghi più affascinanti e meravigliosi del pianeta, con un patrimonio culturale unico al mondo.

Poi ci sorprendiamo se le autorità inglesi mettono in guardia i loro cittadini che visitano Roma...

Ovviamente il degrado, i borseggiatori ma anche i prezzi spropositati per turisti sono una realtà che non riguarda solo Roma, ma tutto il belpaese.

In quanto a questo, l'Italia è più vicina all'Egitto e ad altre mete del terzo mondo, dove i mercanti cercano di rifilare "sole" ai turisti o gonfiano i prezzi, che agli standard europei.

Il danno di immagine che ne deriva per il paese è immenso.

Vedi anche: Dopo aver de-industrializzato l'Italia, se uccidiamo o comunque freniamo la risorsa-turismo il paese è finito!

Negli ultimi anni anche il turismo è diminuito: e al di la del calo generalizzato che può esser dovuto alla crisi, il nostro paese ha perso diverse posizioni nella classifica delle mete più visitate, e il "trend" è negativo.

Molti tedeschi e turisti del nord Europa che cercano il mare d'estate e che un tempo affollavano le spiagge italiane oggi optano per la Croazia o la Spagna. La riviera romagnola, che un tempo era una meta ambitissima dei giovani in cerca di discoteche e divertimento ha perso molto appeal, surclassata da Loret De Mar - per chi vuole spendere poco - oppure Ibiza e Formentera per i più esigenti.

Le discoteche della Romagna che un tempo attiravano giovani da tutta Europa hanno perso il "blasone" di una volta, basti pensare che i migliori DJ d'Europa, compresi quelli italiani - che sono molti - d'estate si spostano a Ibiza, dove le discoteche hanno la possibilità di elargire compensi da capogiro ai migliori DJ.

Ci hanno surclassato anche sul turismo: la verità è questa. Mentre all'estero ce l'hanno messa tutta per promuovere le loro mete turistiche, creando fenomeni di tendenza come Ibiza, noi siamo rimasti fermi, adagiati sugli allori, forti delle bellezze del paese, e progressivamente siamo declinati, così come è declinata notevolmente la "fauna" di certe grandi città.

La Spagna in particolare si è mossa davvero bene per attirare turisti e rendere florida l'economia di vaste zone. Gli spagnoli si sono impegnati moltissimo su questo fronte, e stanno raccogliendo ottimi frutti. Possibile che a noi italiani non ci riesca? 

Le responsabilità comunque non sono da addebitare solo ai governanti locali e nazionali, ma anche agli italiani. Troppo spesso il turista viene visto come un "pollo da spennare", "tanto è un turista, non lo vedremo mai più", ma i turisti molte volte tornano, o tornerebbero, ma sopratutto raccontano, commentano, consigliano.


Staff nocensura.com

http://www.nocensura.com/2014/11/una-foto-con-i-centurioni-al-colosseo.html


Da Ferguson all’Eternit, la nostra rabbia non li preoccupa

Ferguson come l’Eternit, come Stefano Cucchi e le elezioni in Emilia Romagna. Non è una forzatura. Sono molti i fili che legano quattro episodi lontani tra loro geograficamente, socialmente, per poteri statuali interessati. Il primo, il più evidente, è la logica sostanziale della giustizia, che riguarda i primi tre. Non è una novità che gli industriali vengano assolti per i reati commessi all’interno della propria “attività imprenditoriale”, così come non lo è la salvezza garantita ai poliziotti che ammazzano senza alcun motivo. La novità sta nella dimensione della strage. La sentenza Eternit arriva a cancellare responsabilità per oltre 2.000 morti accertati finora e per le migliaia che si verificheranno nei prossimi anni. E non dovrebbe esistere differenza, in sede giudiziaria, tra un omicidio commesso con un’arma da fuoco o da taglio e uno (un numero indefinibile, in questo caso) realizzato esponendo consapevolmente un’intera popolazione all’azione cancerogena dell’amianto. Un veleno è un veleno; non c’è differenza tra il metterlo nella minestra o sulla catena di montaggio. Cambia solo la dimensione.
Ferguson e Cucchi sono molto più simili. Non c’è differenza tra un bianco e un nero, tra Italia e Usa. Lì come qui, i poliziotti che uccidono ritengono di “aver semplimente fatto il nostro lavoro”, o perlomeno si giustificano con questa frasetta usata da Proteste negli Usa per l'omicidio di Fergusontutti i nazisti di seconda schiera (e che non venne accolta nel processo di Norimberga, giustamente). E pretendono l’impunità, minacciando. La novità sta nel ritorno prepotente al passato remoto, all’impunità dichiarata per il potere economico e i suoi guardiani armati. La novità sta dunque nella cancellazione totale delle culture sorte dalla grande sommossa globale degli anni ‘60 e ‘70, che avevano – tra l’altro – spinto decisamente per inverare il principio giuridico astratto “la legge è uguale per tutti”. Processando i criminali economici e militari nelle piazze e spesso anche nei tribunali, portando il barlume della coscienza critica anche tra alcuni magistrati, e persino tra alcuni poliziotti.
Sarebbe facile concluderne che si tratta solo della solita “giustizia di classe”, quindi di una riscoperta dell’acqua calda. La definizione è giusta, naturalmente, ma se ripetuta in modo atemporale, per eventi distanti migliaia di chilomentri o alcune decine di anni, diventa uno slogan già sentito, che spiega poco. Che disarma, invece di mobilitare. Intanto: di quale classe? E con quali metodi? Parlare di “borghesia” quando si analizzano le imprese multinazionali o i consigli di amministrazione delle banche d’affari globali restringe la possibilità di capire. Stiamo parlando di un’evoluzione della specie che fa apparire i “padroni” del Novecento come una scimmia a confronto con l’uomo. Non a caso i nostrani “padroncini” italiani si comportano esattamente come residui di un modo di “fare impresa” che era arretrato anche cinquant’anni fa: evasione fiscale, bilanci truccati, appalti pubblici, mazzette, bassi salari e zero diritti, dipendenza dal sistema bancario, familismo amorale.

Massoneria, libro shock del gran maestro Magaldi: “Ecco i potenti nelle logge”

Massoneria, libro shock del gran maestro Magaldi: “Ecco i potenti nelle logge”
Centinaia di nomi, tra cui Napolitano, Obama, Draghi, Bin Laden e Papa Giovanni XXIII. Tutti "fratelli" secondo l'autore del volume presentato domani a Roma. Che però dice: "Le prove le esibiscono soltanto se me le chiede il giudice"
Di di Gianni Barbacetto e Fabrizio D'Esposito - Il Fatto Quotidiano 
Esistono i massoni e i supermassoni, le logge e le superlogge.Gioele Magaldi, quarantenne libero muratore di matrice progressista, ha consegnato all’editore Chiarelettere (che figura tra gli azionisti di questo giornale) un manoscritto sconcertante e che sarà presentato domani sera alle 21 a Roma, a Fandango Incontro. Il libro, anticipato ieri dal sito affaritaliani.it, è intitolatoMassoni società a responsabilità illimitata, ma è nel sottotitolo la chiave di tutto: La scoperta delle Ur-Lodges. Magaldi, che anni fa ha fondato in Italia il Grande Oriente Democratico, in polemica con il Grande Oriente d’Italia, la più grande obbedienza massonica del nostro Paese, in 656 pagine apre ai profani un mondo segreto e invisibile: tutto quello che accade di importante e decisivo nel potere è da ricondurre a una cupola di superloggesovranazionali, le Ur-Lodges, appunto, che vantano l’affiliazione di presidenti, banchieri, industriali. Non sfugge nessuno a questi cenacoli. Le Ur-Lodges citate sono 36 e si dividono traprogressiste e conservatrici e da loro dipendono le associazioni paramassoniche tipo la Trilateral Commission o il Bilderberg Group. Altra cosa infine sono le varie gran logge nazionali, ma queste nel racconto del libro occupano un ruolo marginalissimo. Tranne in un caso, quello della P2 del Venerabile Licio Gelli.
cover3I documenti che mancano sono a Londra, Parigi e New York. Prima però di addentrarci nelle rivelazioni clamorose di Massoni è d’obbligo precisare, come fa Laura Maragnani, giornalista di Panoramache ha collaborato con Magaldi e ha scritto una lunga prefazione, che l’autore non inserisce alcuna prova o documento a sostegno del suo libro, frutto di un lavoro durato quattro anni, nei quali ha consultato gli archivi di varie Ur-Lodges. Tuttavia, come scrive l’editore nella nota iniziale, in caso di “contestazioni” Magaldi si impegna a rendere pubblici gli atti segreti depositati in studi legali a Londra, Parigi e New York. Detto questo, andiamo al dunque non senza aver specificato che tra le superlogge progressiste la più antica e prestigiosa è la Thomas Paine (cui è stato iniziato lo stesso Magaldi) mentre tra le neoaristocratiche e oligarchiche, vero fulcro del volume, si segnalano la Edmund Burke, la Compass Star-Rose, la Leviathan, la Three Eyes, laWhite Eagle, la Hathor Pentalpha.

sabato 29 novembre 2014

L'infermiera Killer di Lugo potrebbe aver ucciso 93 persone!



A cura di nocensura.com

La Procura di Ravenna rende noto che stanno indagando su 93 decessi sospetti accaduti nella clinica dove lavorava la folle infermiera killer, che uccideva i pazienti con il potassio.

La notizia è riportata un po' da tutti i media nazionali (vedi Il Messaggero, Corriere, Libero)


La cosa che lascia basiti è come siano potute passare inosservate così a lungo tutte queste morti sospette, un numero che appare sempre più considerevole. E stabilire la verità non sarà facile per gli inquirenti, visto che le sostanze utilizzate dall'infermiera svaniscono nel giro di 48 ore.

Possibile che i nostri anziani, indifesi, siano così in balia della follia di un individuo? Per non parlare dei numerosi casi di abusi scoperti in asili e strutture per disabili; e per le decine di casi emersi, centinaia passano impuniti, torture, abusi, soprusi e maltrattamenti verso i deboli, gli indifesi per definizione.

COSA ASPETTIAMO A RENDERE OBBLIGATORIE TELECAMERE DI VIDEO SORVEGLIANZA, CON REGISTRAZIONE, IN TUTTE LE STRUTTURE?!? Si tratta di tecnologie che ormai costano poco.

Guerra climatica - Haarp: Intervista al Generale Fabio Mini - i Terremoti si CREANO!

http://youtu.be/qpnZAdC-Yz4

La descrizione del video su Youtube: "La modificazione del clima esiste sia in America che in Europa. La capacità di implementare ulteriormente questa tecnologia per lo spopolamento globale senza farsi scoprire, deve essere estremamente allettante per i malthusiani, poichè siccità, uragani ed inondazioni possono essere attribuite alla variabilità climatica naturale, tempeste solari e riscaldamento globale"







La Corte dei Conti boccia l'8 per mille alla Chiesa!!!

Di Alessandro Genovesi

La Corte dei Conti boccia l'8 per mille alla Chiesa cattolica. Almeno nella misura monstre corrisposta dallo Stato italiano nel 2013. 1 miliardo e 254 milioni di euro: caso unico in Europa. Nessun altro paese dell'UE, infatti, versa così tanti soldi a quella che è, pur sempre, una confessione religiosa che dovrebbe essere tale e quale alle altre.
La cifra così elevata è determinata dal fatto che, in virtù della legge ad oggi vigente, alla Chiesa vanno in automatico anche i contributi di quegli italiani che nella dichiarazione dei redditi non esprimono alcuna preferenza (come ben spiegato qui).
In particolare, all'atto della dichiarazione solo il 34,5% degli italiani sceglie di destinare il proprio 8 per mille alla Chiesa cattolica, il 4% allo Stato, l'1% alle altre confessioni religiose e il rimanente 60,5% non sceglie nulla e quindi, a causa dell'automatismo sopra illustrato, finisce per versarli alla Chiesa.
Ed è proprio questo meccanismo ad essere finito nel mirino dei giudici contabili, che, in una dura sentenza, lo definiscono "opaco, senza controlli, senza informazione per i cittadini, discriminante dal punto di vista della pluralità religiosa".
Quello più annoso è proprio il problema dei controlli: "Nonostante la rilevanza delle risorse, oltre un miliardo e 200 milioni di euro annui, nessun organismo indipendente ha mai proceduto finora a una valutazione, nonostante i richiami della Corte e le criticità emerse sulla gestione" scrivono le toghe. Pochi controlli, quindi poca trasparenza: "I dati sono confusi, non c'è nessuna descrizione, nemmeno sintetica, dell'uso che viene fatto dei fondi".
E intanto, di opacità in opacità, i contribuenti italiani versano alla Chiesa quasi quanto versano al ministero dei Beni culturali e del Turismo (1,2 contro 1,7 mld), che dovrebbe essere al centro dell'agenda di tutti i governi, viste le bellezze artistiche e paesaggistiche che fanno dell'Italia una delle mete più ambite del mondo.

Tempo che peggiora: arriva il ciclone MEDEA!

Tempo che peggiora: arriva il ciclone MEDEA!

Sempre più nuvoloso e piovoso su gran parte delle regioni, domenica sera arriva Medea
Il ciclone Medea inizia a puntare la nostra Italia. I venti meridionali che esso sta richiamando dall'Africa inviano corpi nuvolosi e piogge sparse su gran parte delle regioni. La redazione web del sito www.iLMeteo.it ci comunica che oggi pioverà sul Piemonte, Liguria occidentale, localmente su Veneto e Friuli, poi deboli piogge anche su gran parte delle regioni del Centro e settori ionici del Sud. Domenica invece arriva Medea; piogge diffuse e moderate interesseranno il Piemonte, più deboli sul resto del Nord e quasi assenti al Centro e al Sud. Nel corso del pomeriggio e sera di domenica il tempo peggiora ulteriormente al Nord con precipitazioni molto forti e nubifragi su Piemonte, Liguria ed in nottata su gran parte del Triveneto, le regioni centrali verranno solamente raggiunge da qualche pioggia tra Toscana, Lazio ed Umbria. Venti di scirocco sui mari e temperature che aumenteranno raggiungendo valori quasi estivi al Sud con circa 26° in Sicilia.

Ferguson. Dieci "coincidenze" troppo evidenti per poter essere ignorate

Ferguson. Dieci coincidenze troppo evidenti per poter essere ignorate
Ferguson non è la fine: è solo l'inizio di un nuovo capitolo orribile della storia americana. Michael Snyder

È stato tutto frutto di una cospirazione o di incompetenza?  Sono queste per Michael Snyder le due uniche alternative che spiegherebbero l'orribile violenza alla quale abbiamo assistito a Ferguson nella notte di lunedì.

La prima ondata di disordini a Ferguson in agosto ha preso tutti di sorpresa, ma a questa degli ultimi giorni le autorità hanno avuto più di tre mesi per prepararsi. Hanno avuto la possibilità di controllare con precisione quando la decisione del Gran Giurì sarebbe stata annunciata e quanti poliziotti e soldati della Guardia Nazionale sarebbero stati schierati per le strade. Ma nonostante tutto questo, la violenza a Ferguson nella notte di lunedì è stata peggiore di quella a cui abbiamo assistito in agosto.
 
O si è trattato di un caso di incompetenza quasi incredibile, o c'era qualcuno là fuori che in realtà voleva che questo accadesse.  Se qualcuno là fuori sta cercando di provocare più violenza a Ferguson, allora i disordini non si fermeranno qui. La maggior parte di loro non ha idea che potrebbero potenzialmente essere solo pedine di un gioco molto più grande di loro. L'unica altra alternativa per spiegare quello a cui abbiamo appena assistito è l’incompetenza a un livello che sfiora il ridicolo. Dietro tutto questo per Snyder si nasconde sicuramente qualcosa e spera che ad un certo punto il popolo americano possa conoscere la verità.
 
Le seguenti 10 "coincidenze" di lunedì notte a Ferguson sono troppo evidenti per essere ignorate ...
 
# 1 Le autorità di polizia federale, statale e locale hanno avuto più di tre mesi per prepararsi alla violenza che avrebbe seguito l'annuncio della decisione del Gran Giurì. I media mainstream  hanno pubblicizzato all'infinito la questione e tutti sapevano che guaio sarebbe venuto fuori. Ma nonostante una quantità enorme di tempo per prepararsi, molto poco è stato effettivamente fatto per evitare l’esplosione della violenza.

Navi Usa sbarcano in Turchia uomini e armi per l’Isis

L’Isis viene rifornito di armi, di soldi e di miliziani attraverso la Turchia, con l’aiuto degli Stati Uniti. Prove sempre più schiaccianti inchiodano Erdogan e la Cia.

di Franco Fracassi - popoffquotidiano.it
Secondo il deputato turco  Mehmet Ali Ediboglu, sarebbe questa la nave statunitense che ha trasportato lo scorso 19 novembre armi e volontari diretti all'Isis.SECONDO IL DEPUTATO TURCO MEHMET ALI EDIBOGLU, SAREBBE QUESTA LA NAVE STATUNITENSE CHE HA TRASPORTATO LO SCORSO 19 NOVEMBRE ARMI E VOLONTARI DIRETTI ALL’ISIS.
«La cosa assurda di tutta questa storia è che gli Stati Uniti combattono contro i loro amici, combattono un’organizzazione che armano e riforniscono di soldati. Non sto parlando al passato, ma al presente». La dichiarazione shock di un ex dirigente della Cia (rimasto anonimo) rilasciata al settimanale “Newsweek” non fa altro che confermare quanto affermato dal deputato turco Mehmet Ali Ediboglu nell’aula parlamentare di Ankara: «Il 19 novembre 2014 una nave da carico statunitense era entrata nel porto d’Iskanderuntrasportando illegalmente armi e volontari del fondamentalismo islamico. La polizia antisommossa ha protetto il porto durante lo scarico della merce, che in particolare comprendeva missili e lanciarazzi pesanti. Il materiale è stato caricato su due convogli di dodici veicoli diretti al campo di al Qaida di Osmaniye.
Del resto il “Washington Post” solo una settimana fa aveva scritto: «L’Amministrazione Obama ha preparato piani segreti che hanno come scopo quello di favorire l’incremento di aiuti di uomini e armi diretti ai combattenti in Siria, in attesa che sia direttamente il Pentagono a stabilire delle basi nella zona di Aleppo».
Human Right Watch ha rilasciato un rapporto in cui si parla apertamento di coinvolgimento delle forze armate turche nelle stragi di civili compiute dall’Isis nel nord della Siria. «I fondamentalisti possono entrare e uscire a proprio piacimento dal territorio turco, tanto sono sempre in compagnia di soldati o agenti segreti turchi».

INCREDIBILE: Occupare case non sarà più reato!

E' INCREDIBILE. Proprio mentre esplode il caso degli anziani che si ritrovano "sfrattati" da occupanti abusivi, che la legge NON consente di sgombrare sedutastante, la legge DEPENALIZZA il reato di occupazione: SARA' POSSIBILE INTENTARE SOLO UNA CAUSA CIVILE, CHE DURA IN MEDIA 10-15 ANNI !!!! LEGGETE E DIVULGATE.....

casa occupata
Matteo Renzi vuole depenalizzare il reato di occupazione abusiva. Anzi, l’ha già fatto: con la legge delega 67 del 28 aprile scorso. In un ritaglio nemmeno troppo nascosto della norma, approvata la scorsa primavera da Camera e Senato e già pubblicata in Gazzetta ufficiale, si scopre che tra i reati depenalizzati c’è il primo comma dell’articolo 633 del codice penale. «Si tratta della norma attraverso la quale una società come Aler, la partecipata di Regione Lombardia che gestisce un patrimonio immenso di case popolari, può effettuare gli sgomberi in caso di occupazioni abusive», denuncia il consigliere del Comune di Milano, Marco Osnato (Fratelli d’Italia), che all’Aler ci lavora da anni.
Lo conferma anche il collega di Forza Italia, Armando Vagliati: «Il governo vuole depenalizzare l’occupazione abusiva. Contro chi occupa si potranno fare solo cause civili, della durata media di 10 o persino 15 anni». Sembra una barzelletta, soprattutto alla luce dei recenti fatti di cronaca di cui Milano è stata protagonista. Solo due giorni fa la polizia ha tentato di buttare fuori da un appartamento, occupato illegalmente, una famiglia di romeni, padre madre e tre figli di cui due minorenni. Tempo poche ore e per via delle proteste dei comitati a difesa del diritto alla casa e della tensione con la polizia, gli occupanti hanno ripreso possesso della casa.

Renzi international: dopo l'inglese "shish" ecco una nuova figura di m...




Verona: 60enne sfrattato muore di stenti nell’auto in cui viveva

morto-autoVerona, muore di stenti nell’auto che era diventata casa sua: 60enne ritrovato da un passante
Si è spento a 60 anni, in quell’auto che ormai era diventata casa sua. Risale alle 13 di mercoledì l’ultimo decesso provocato dall’estrema povertà. Un senzatetto veronese, Luigi detto “Toni”, se n’è andato sul sedile davanti della macchina posteggiata in via Scodellando, tra la Zai e Borgo Roma. A rendersi conto dell’uomo, che pareva addormentato, è stato un passante che quando si è avvicinato al mezzo e ha provato a bussare non ha notato alcuna reazione. Ha composto così il 113 e il 118. Ma per l’uomo non c’era già più nulla da fare.
Era conosciuto, “Toni”: una prima vita passata a fare l’idraulico e una seconda passata a vagare per le strade, cercando un po’ di conforto in quei veronesi che lo salutavano e gli parlavano. Tanti lo rincuoravano e gli offrivano aiuto. Qualche spicciolo per mettere insieme il pranzo al sacco. Aveva preso possesso di un’auto abbandonata proprio sotto alla sua ex abitazione.

L'intervista che costò la vita a Gheddafi


Gheddafi sognava di creare una banca centrale Africana sganciata dall'occidente e dalla morsa del debito verso banchieri privati; era un nemico del "petrodollaro", e pur con prudenza - sapeva che se esagerava sarebbe stato fatto fuori - cercava di contrastare i piani mondialisti degli USA, che Gheddafi conosceva molto bene. In più occasioni ha dichiarato a chiare lettere che gli attentati dell'11 Settembre sono un false flag. Questa intervista è stata registrata poco prima che gli occidentali decidessero di "esportare la democrazia" (abbandonando al caos la Libia...)

Informatitalia

http://youtu.be/4zD4vo7QS1Y


LEGGI ANCHE: La contro-storia di Saddam e Gheddafi


L'avvocato di Corona: "Fabrizio trattato come un mafioso"


Di @LorenzoLamperti - affaritaliani.it

"Diritto e giustizia non sempre collimano". Ivano Chiesa, l'avvocato di Corona, fa il punto sulle condizioni del suo assistito in un'intervista adAffaritaliani.it: "Fabrizio sta male, serve un intervento mitigatore".
Avvocato Chiesa, negli scorsi giorni la madre di Fabrizio Corona ha denunciato i seri problemi di salute del figlio. Come sta attualmente Corona in carcere?
Sta male, molto male, anche da un punto di vista psicologico. Dire che è disperato è troppo ma è un uomo sofferente. E la mamma è logico che si preoccupi.
In molti considerano la pena di Corona esagerata. Perché?
La pena è esagerata senza forse e ci si è arrivati con una serie di condanne una più strampalata dell'altra. La più strampalata di tutte è quella di Torino per estorsione aggravata. Una condanna che non sta né in cielo né in terra e nella quale la tipologia di reato è esagerata. L'estorsione aggravata è un reato ostativo e va a finire nell'ordinamento 4 bis. La conseguenza è che Corona è finito nel "girone dei cattivi". Non può accedere a misure alternative e a nessun beneficio carcerario e viene trattato come un pericoloso criminale.
Ma come si è arrivati a 14 anni e 2 mesi?

Bristol, l'incredibile bus alimentato dai rifiuti! VIDEO

E’ stato ribattezzato affettuosamente “Poo Bus” e unisce l’areoporto di Bristol alla città di Bath. E’ alimentato da un biocarburante prodotto sia dai rifiuti alimentari sia umani e può percorrere 186 miglia con un pieno.

La foto del bus è emblematica. Cinque persone, sedute sul water, intente a fare cose diverse: chi legge il giornale, chi ascolta la musica, chi lavora all’uncinetto. Cose che ognuno di noi fa nel proprio bagno, in estrema tranquillità. Peccato che qui il discorso è diverso. Siamo infatti sul primo autobus che si alimenta con i bisogni umani, il famoso “Poo bus”, dove “poo” potete ben immaginare cosa significhi. Unisce l’areoporto di Bristol alla città di Bath. Non potevamo che essere nel Regno Unito, Paese da sempre alternativo e futurista che però non riesce, malgrado tutto, a superare il problema dell’inquinamento atmosferico.
Così, dopo il documentario Just Eat It, torniamo sull’argomento del riciclo dei rifiuti alimentari, non fermandoci ad essi, ma arrivando fino al recupero dei rifiuti organici prodotti dall’uomo. Questo Bio-Bus, di 40 posti, è alimentato infatti da un biocarburante prodotto sia dai rifiuti alimentari sia dai liquami umani; può percorrere circa 186 miglia con un pieno, l’equivalente di 300 km e dei bisogni di cinque persone (ed ecco che torniamo alla foto in testa). Il bus, che emette fino al 30% in meno di anidride carbonica rispetto ai veicoli diesel convenzionali, funge  da navetta tra l’aeroporto di Bristol e la città di Bath.
Fin qui un’idea fantastica. Ma come la mettiamo con la questione olfattiva? Il carburante, come detto, viene prodotto infatti sia dagli scarti di cibo e dai rifiuti dell’industria alimentare ma anche dai residui organici umani, ovvero le feci recuperate nelle fogne. Quindi va bene non inquinare, ma la funzione sensoriale diventa di grande importanza. Tutti questi rifiuti vengono trasformati in metano e CO2 grazie alla fermentazione di batteri anaerobici, posti all’interno di grandi vasche. Alla fine del processo, l’anidride carbonica viene eliminata e del propano viene invece aggiunto. Il tutto, all’interno di potenti filtri che eliminano la puzza.

venerdì 28 novembre 2014

Una tassa per gli ucraini che lavorano o risiedono all'estero

PoroshenkoNon ci sono parole per commentare l'ultima follia del governo ucraino. Un governo in mano ad un gruppo di tecnocrati senza scrupoli manipolati dagli Stati Uniti.
Da gente come questa non ci si poteva certo aspettare nuove iniziative positive.
Infatti questi qua hanno in mente di introdurre una tassa straordinaria sui cittadini ucraini che lavorano e/o risiedono all’estero.
Gli importi sono questi:
- 500$ al mese per chi lavora e risiede in Russia
- da 200$ a 700$ per chi lavora e risiedi in Europa
Tutti i cittadini ucraini saranno controllati dall'autorità fiscale e se risulterà che lavorano o risiedono in un'altra nazione saranno soggetti al pagamento della tassa.
The tax will be collected from those unable to officially confirm their presence in Ukraine in the event that the fiscal authority receives information about a person’s probable absence for more than 2 months from his place of residence.
Questa iniziativa dell'Ucraina è inquietante e molto pericolosa perché potrebbe fungere come 'esempio da seguire' per altri paesi europei. Un'ottima idea per impoverire ulteriormente tutti quei cittadini che, nella peggior delle ipotesi, sono magari costretti ad andare via dalla propria nazione per motivi di lavoro. Pure quelli che decidono di spostarsi in un'altra nazione per studio o per altri motivi verrebbero penalizzati.

Vaccini: il progetto oscuro – manipolazione genetica e sterminio controllato

vaccini 7Vediamo insieme che cosa scrive la Dott.ssa Guylaine Lanctot, dottoressa canadese dotata di grande coraggio.
Per 25 anni ha praticato la sua professione collaborando con le industrie farmaceutiche.
Ad un certo punto della sua carriera si è resa conto dei giochi di potere, degli enormi interessi economici e delle macchinazioni fatte ai danni del malato.
Nel suo libro spiega quali sono queste “macchinazioni” ed indica anche i gravi danni a breve, medio e lungo termine causati appositamente da queste industrie farmaceutiche all’Umanità per renderla sempre più malata per l’ignobile ragione del solo profitto economico ossia dell’equazione più-malati = più-guadagni. Ha deciso di raccontare al mondo quali sono queste “macchinazioni” ed i gravissimi danni causati dalle vaccinazioni. Per questo la dottoressa Lanctot è stata citata più volte in tribunale dalle industrie chimico-farmaceutiche.
Nel capitolo “LA TRILOGIA DELLA MENZOGNA” del suo libro leggiamo: …
  1.  La vaccinazione decima le popolazioni.
    In maniera acuta nei paesi del Terzo Mondo e in maniera cronica in quelli industrializzati
    .
    A questo proposito, ascoltiamo Robert Mc Namara, ex presidente della Banca Mondiale, ex segretario di Stato degli Stati Uniti che ordinò i bombardamenti massicci sul Vietnam e uno degli istigatori del programma mondiale di vaccinazione; non ha esitato a dichiarare: “Bisogna prendere misure drastiche di riduzione demografica, contro la volontà delle popolazioni.
    Ridurre il tasso di natalità si è rivelato impossibile o insufficiente; bisogna quindi aumentare il tasso di mortalità. Come? Con mezzi naturali: la carestia e la malattia” (J’ai tout compris, N. 2, febbraio 1989, Ed. Machiavel).
  2.  La vaccinazione consente la selezione delle popolazioni da decimare, facilita cioè il genocidio mirato. Permette di uccidere persone di una determinata razza o nazione, lasciando indenni gli altri… chiaramente nel nome della salute e del benessere di tutti.

Carabiniere morto in caserma: le domande a cui nessuno vuole rispondere

A cura di nocensura.com

Che idea vi siete fatti su questa vicenda?
Il fatto che nessun giornale e nessuna TV "di sistema" - ne abbia parlato è molto strano... alla signora D'Urso non interessa questo caso? Eh si che attirerebbe moltissimo l'opinione pubblica, certamente più degli pseudo-amanti della povera Elena Ceste... ma una professionista come lei questo di certo lo sa bene, e allora PERCHE' NON FA UN BEL SERVIZIO? Perché non intervista i familiari e gli amici del ragazzo? Perché non cerca di far luce???

Gli interrogativi da chiarire sono davvero molti. Gliene suggerisco qualcuno:

- Era un semplice Carabiniere, o lavorava per altre agenzie?
- Ha avuto contatti di qualche natura con i servizi segreti?
- Dove prestava servizio quale mansione aveva?
- A giudicare da alcune foto, sembra che appartenesse ad Eurogendfor; ne faceva parte?
- I suoi amici e parenti sono a conoscenza delle mansioni svolte dal Carabiniere?
- Ha mai fatto discorsi "strani" ai suoi amici? Confidenze particolari o altro?

- Si è suicidato davvero? O si tratta di omicidio?
- Secondo amici e parenti, si tratta di suicidio? Perché leggendo i commenti su FB di una parente, di alcuni amici ed ex colleghi con i quali aveva fatto corsi insieme, non era un tipo che si poteva suicidare.

- Perché scrivere quel lungo post per poi suicidarsi?!? Che senso ha?
- Cosa ne pensano di questo amici e parenti?
- Perché spararsi al cuore e non alla testa, come "classico" e "consigliabile", visto che il decesso è più immediato e provoca minori sofferenze?

Solitamente un caso come questo avrebbe avuto molta risonanza, e questo nella fattispecie ne avrebbe dovuta avere ancora di più.

NESSUN DEPUTATO RITIENE DI FARE DELLE INTERROGAZIONI IN MERITO?

LA MAGISTRATURA STA INDAGANDO A 360°?

NESSUN GIORNALISTA RITIENE DI PARLARE CON I FAMILIARI???


A.R. -  nocensura.com


Fonte: nocensura.com



IL FMI INSISTE: “ITALIA SENZA FUTURO, BISOGNA TAGLIARE LE PENSIONI”

Durante la presentazione del rapporto del Fmi sul nostro paese l’organizzazione statunitense è tornata alla carica chiedendo all’Italia di tagliare la spesa previdenziale per abbattere i costi del Paese.

Il direttore esecutivo del FMI, Andrea Montanino nel presentare il rapporto sul nostro Paese ha detto: “L’Italia, nelle condizioni attuali, non è un Paese per cui si possa assicurare un futuro radioso, o quantomeno sereno. La crescita potenziale dell’Italia di fatto crolla per gli anni futuri, siamo inchiodati allo 0,5%”. Il Fmi nel suo report ha stimato che la crescita dell’Italia sarà dello 0,2, a fronte dello 0,3 previsto nel precedente rapporto. Inoltre Montanino ha ricordato come il private equity (investimenti in società no quotate da parte di fondi specializzati) sia molto più sviluppato negli Usa e che l’Europa è troppo “bancocentrica” e se questo bisogna fare di più perché “le banche italiane hanno fatto progressi nel rafforzare i bilanci, ma devono affrontare sfide e venti contrari ciclici” e devono quindi “essere pronte a soddisfare la domanda quando l’economia si riprenderà”.

Alba Mediterranea denuncia "gli eletti di Roma città metropolitana"

http://youtu.be/ja6tbvxiRh0

Il gruppo Alba Mediterranea annuncia di aver sporto formale denuncia contro "tutti gli eletti al super consiglio comunale di Roma città metropolitana". Vi proponiamo il video.



Tratto da: nocensura

Il Carabiniere che diceva di essere Adam Kadmon, l'ipotesi suicidio? "Impossibile"

Di perugiatoday.it

Il giovane, appena trentenne, due ore prima della sue morte ha scritto nel profilo Facebook uno strano messaggio, affermando di essere Adam Kadmon, il noto protagonista di Mistero. Si pensa al suicidio ma analizzando la sua bacheca come ipotesi appare poco credibile 
Una storia che lascia sconcertati. 

Un mistero che sembra infittirsi sempre più a causa di post cancellati e riscritti. Per comprendere cosa realmente sia successo è necessario però partire dal 25 novembre scorso, quando il carabiniere trentenne Luis Miguel Chiasso di Monterubiaglio, frazione del comune di Castel Viscardo, è stato trovato privo di vita, nel tardo pomeriggio. 
La misteriosa morte del giovane è avvenuta in una caserma di Roma e al momento gli inquirenti ipotizzano che si tratti di un suicidio o che il ragazzo sia rimasto vittima di un incidente mentre era intento a pulire la sua arma. Ciò che però rende inquietante l’intera storia è quello stato apparso sulla bacheca Facebook del giovane: “Ciao popolo. Vi prego condividete e urlate al mondo intero. Sono Luis Miguel Chiasso qualcuno mi conosce sente le mie parole alla TV mi sono creato il personaggio con un attore di Adam kadmon, vi avevo promesso che avrei levato la maschera come faccio a sapere tante cose? Semplice lavoro per i servizi segreti italiani ed internazionali da tempo sto vedendo cose a noi sconosciute cose non di questo mondo ma dei nostri creatori, purtroppo sapere determinate cose porta delle responsabilità , mi resta poco da vivere so già che stanno arrivando per chiudere la mia bocca per sempre”.
Questa solo una parte dello strano messaggio apparso sul profilo del giovane proprio intorno alle 20.30 del 25 novembre, giorno in cui è stato trovato privo di vita: “Anni fa giurai questo ‘Giuro di essere fedele alla Repubblica italiana, di osservarne la Costituzione e le leggi e di adempiere con disciplina ed onore tutti i doveri del mio stato per la difesa della Patria e la salvaguardia delle libere istituzioni’. E ora popolo vi dico combattete ribellatevi fate che la mia morte non sia vana perché il popolo ha il diritto alla disobbedienza verso il governo quando questo perda legittimità agendo fuori dai limiti del mandato e il diritto all’uso consapevole dell’illegalità giustificato dallo stato di guerra che i governanti, tradendo il patto, avrebbero ripristinato”.

"Ho vinto la battaglia contro il tumore grazie all'Artemisia Annua ed alla dieta vegana"

AmedeoGioiaeFiglioDi Lucrezia La Gatta - tiburno.tv

Gli erano stati diagnosticati appena due mesi di vita ma, grazie all'utilizzo dell'Artemisia Annua ed un regime di dieta vegana, il tumore è completamente sparito.
L'inizio della malattia
“Devo tutto al mio figlio maggiore, Emiliano – racconta Amedeo Gioia (nella foto insieme al figlio), 68enne romano residente nel quartiere di Due Leoni, a pochi passi da Borghesiana –. Dopo aver scoperto che mi mancavano poche settimane di vita, si è messo alla ricerca di cure alternative ed ha trovato l'Artemisia”.
La storia della malattia di Amedeo ha inizio a settembre 2013, quando venne ricoverato a seguito di un infarto. “I medici notarono delle perdite di sangue nel catetere così, dopo una visita urologica, mi venne diagnosticato un grosso papilloma alla vescica”. Quando giunse il periodo dell'operazione, il 31 marzo all'ospedale San Filippo Neri, i chirurghi decisero di non procedere. “Avevano scoperto che la massa tumorale era troppo estesa, così venni dichiarato inoperabile”, spiega Amedeo.
artemisiaLa scoperta dell'Artemisia Annua
Fu in quel momento che, a seguito della breve prospettiva di vita, scoprì l'Artemisia Annua: si tratta di una pianta che veniva utilizzata più di duemila anni fa dalla medicina cinese come antimalarico e che, ad oggi, è oggetto di studi da diverse università americane per la cura dei tumori. “Ho utilizzato una soluzione idroalcolica e dopo appena 48 ore ho iniziato a non sentire più i dolori – continua a raccontare –. A distanza di sei giorni l'ecografia mostrava un enorme miglioramento”. Oggi, dopo ben otto mesi, sia le analisi del sangue che le tac effettuate nel tempo, mostrano come del tumore non ci sia più traccia.

giovedì 27 novembre 2014

L'uomo che ha rubato 35 milioni di euro e non ha mai visto un centesimo


Michel Ferrari e suo figlio Jérôme. Tutte le foto per gentile concessione di Michel Ferrari e di Éditions L'Archipel 

Di Julie Le Baron - vice.com



Il 25 marzo del 1990, un gruppo di malviventi armati si è introdotto nel caveau della sede centrale dell'UBS a Ginevra, in Svizzera, neutralizzando l'apparato di sicurezza dell'edificio con una facilità sconcertante. 
Dopo essere rimasti per un'ora e 45 minuti nel caveau centrale, il gruppetto è fuggito con 220 chili di banconote provenienti dall'Italia e dal Nord Africa. La polizia non ha mai ritrovato il bottino (dal valore di circa 35 milioni di euro) e tutti i sospetti sono stati assolti; tutti tranne Michel Ferrari, la mente dell'operazione, che è finito dietro le sbarre del carcere Champ-Dollon di Ginevra. 
Dall'assalto al treno Glasgow-Londra del 1963durante il quale alcuni rapinatori britannici hanno rubato 2,6 milioni di sterline (circa 3 milioni di euro) destinate alla Banca d'Inghilterrain poi, il titolo di "colpo del secolo" è stato attribuito almeno a un'altra decina di rapine. Anche se in tutte queste rapine erano in gioco cifre di denaro astronomiche, ognuna aveva le sue particolarità. 
Nel colpo grosso dei diamanti di Anversa, per esempio, alcuni truffatori italiani erano entrati in una banca vestiti con degli scudi di polistirolo per neutralizzare i rivelatori di calore a infrarossi posti all'ingresso dell'edificio. Nel caso del colpo alla Société Générale di Nizza, in Francia, Albert Spaggiari e i suoi uomini avevano scavato un tunnel di otto metri nelle fogne tramite il quale erano riusciti ad entrare nella banca.
Il piano concepito da Michel Ferrari era altrettanto fantasioso e aveva richiesto mesi di prove perché la sua banda fosse in grado di metterlo in pratica alla perfezione. "Ho progettato la rapina del secolo senza sapere che sarebbe stata la rapina del secolo," mi ha detto Ferrari. "Non volevo rivoluzionare il modo di fare una rapina. Stavo solo cercando un modo rapido per guadagnare un sacco di soldiuna cosa a cui tutti pensano di tanto in tanto." 
Il caveau fotografato dalla polizia svizzera dopo il colpo. I complici di Ferrari si erano lasciati dietro l'equivalente di 2 milioni e mezzo di franchi svizzeri. 
All'inizio degli anni Ottanta, poco dopo la nascita di suo figlio Jerome, Michel Ferrari aveva lasciato il lavoro nel settore edile per dedicarsi a tempo pieno a uno dei suoi passatempi preferititrasportare grosse somme di denaro oltre il confine svizzero per conto di evasori fiscali francesi.

Usa in fiamme Violenze e saccheggi nelle città

Agente assolto  Usa in fiammeViolenze e saccheggi nelle citta

Agente assolto, Usa in fiamme
Violenze e saccheggi nelle citta'

(AGI) - Washington, - E' scoppiata la rivolta negli Usa dopo la non incriminazione di Darren Wilson, il 28enne agente di polizia bianco che a Ferguson, in Missouri, che ha ucciso il 18enne afroamericano Michael Brown. Una decisione del Gran giuri' presa dopo aver ascoltato oltre 60 testimoni, esaminato i referti autoptici e vagliato ogni possibile prova.

A dare l'annuncio ieri intorno alle 20.30, ora di Ferguson, dopo una suspense andata avanti per tutto il weekend, e' stato il pubblico ministero Robert McCulloch, argomentando puntigliosamente la decisione e puntando il dito contro le "contraddittorie" testimonianze rilanciate dai media.
  "Il compito del Gran giuri' - ha ammonito - e' quello di separare i fatti dalla fiction". In strada la folla e' insorta contro la polizia schierata in tenuta antisommossa, tirando sassi, bottiglie incendiando auto e spaccando vetrate. Tra i tafferugli e gli atti vandalici, sono stati uditi anche degli spari. Fumogeni e lacrimogeni sono stati utilizzati per disperdere i manifestanti. I genitori del giovane ucciso, che avevano invitato a mantenere la calma, si sono dichiarati "devastati". "Siamo profondamente delusi per il fatto che l'assassino di nostro figlio - hanno fatto sapere tramite il loro avvocato - non dovra' rispondere delle sue azioni". Le manifestazioni di protesta sono dilagate anche in altre citta', da New York a Seattle. Nel suo lungo intervento, McCulloch ha sottolineato come la legge autorizzi la polizia "ad usare forza mortale" nel caso di legittima difesa. Secondo il magistrato, le prove hanno indicato in maniera inequivocabile che che tra Brown e Wilson ci fu una colluttazione e che poco prima di essere ucciso il giovane era stato filmato da una videocamera di sicurezza mentre rubava dei sigari in un negozio. Incalzato dai giornalisti che volevano sapere se il voto del Gran giuri' (composto da 12 membri di cui 9 bianchi e 3 neri, 7 uomini e cinque donne) fosse stato unanime, il magistrato si e' trincerato dietro il diritto alla segretezza.

La nuova follia: "Voglio prendere l'Aids" servizio choc delle Iene

Le Iene ieri sera hanno mostrato un interessante servizio su una folle moda che fortunatamente coinvolge poche decine di malati, che su internet inseriscono annunci per cercare persone sieropositive e farsi contagiare dall'HIV. Proprio così: vogliono ammalarsi di AIDS volontariamente!!! Sostengono di volersi togliere "questa preoccupazione" in modo da poter fare sesso non protetto tranquillamente. Follia pura, qualcosa di allucinante.


FATE ATTENZIONE agli annunci sul web, dove tra i tanti "cercatori di sesso" ci sono anche persone con seri problemi psichiatrici.

Un servizio da guardare e divulgare!!! 

- - -


"Voglio prendere l'Aids": la "moda" folle degli incontri con persone sieropositive
Incontrare individui sieropositivi per essere contagiati. Ecco l'ultima follia di una società che fa i conti con i suoi mali. Un servizio de Le Iene andato in onda ieri sera cerca di spiegare perché la gente si rivolge al web per contrarre il virus Hiv. Viene utilizzata una chat (riservata ai gay) attraverso la quale alcuni uomini si mettono in contatto con altri uomini sieropositivi per avere rapporti intimi. Ma senza precauzioni di ogni tipo. Sembra, dunque, che il fine sia proprio quello di contrarre l'Aids. Nadia Toffa, Iena inviata per la realizzazione del servizio, si è servita di un complice che ha finto interesse. L'attore ha quindi incontrato due uomini. Il primo lo ha messo in guardia, mentre il secondo gli ha descritto le meraviglie del sesso senza preservativo, spiegando addirittura che, tornando indietro, sceglierebbe ancora il rischio di contrarre il virus. 

IL BILDERBERG STA DISTRUGGENDO L’ UMANITA’

Mistificazione della realtà, distruzione e smantellamento del valore della famiglia, creazione di modelli falsi e sbagliati, sostituzione etnica ed infine svuotamento della sovranità monetaria e politica. Ecco le cinque mosse con cui questo gruppo di criminali, sta provvedendo alla distruzione del genere umano!

Il mondo nel quale ci troviamo non è per niente quello che ciascuno di noi, probabilmente,  sognava da piccolo. Una realtà fatta di ingiustizie, logiche criminali e perverse, valori che qualcuno si sta ostinando a distruggere, ed ipocrisia e falsità che scorrono a fiumi.
Un colpevole in tutto questo c’è ed e’ identificabile in chi appartiene a certe spregevoli lobby che tramano da dietro le quinte, alla stregua dei peggiori vigliacchi.
C’è chi la chiama “massoneria”, chi “illuminati” e chi ancora “Bilderberg’s Group” in onore di una riunione riservata, che si tiene annualmente in Svizzera, cui prendono parte i potenti del pianeta.
La sostanza non cambia, perché il pensiero che unisce ed identifica questi consessi sono i seguenti: la pretesa e l’arroganza di considerarsi i prescelti per poter cambiare il mondo a proprio piacimento, le paranoie e le smanie di potere, ed infine il voler agire nascosti utilizzando dei veri e propri burattini per conseguire i propri loschi scopi.
Un’autentica élite di criminali, dunque, che ha una concezione poi del tutto particolare della parola “democrazia” che significa “governo del popolo”, e che invece molto spesso come vedremo nel prosieguo e’ stata stuprata ed umiliata, sull’altare dei loro interessi.
Di casi in tal senso, la storia ne è ricca. Ma mi limiterò ad alcuni esempi, giusto per rendere l’idea di cosa stiamo rischiando.

Archivio blog