lunedì 25 novembre 2013

Servono soldi: protesta del Cocer dei Carabinieri e dei sindacati della Polizia.

Non ci sono soldi per garantire la sicurezza dei cittadini, mentre ce ne sono, e anche molti, per comprare nuove armi da GUERRA: solo recentemente è stato ufficializzato l'acquisto di "cannonieri volanti" che si sommano ai jet, sottomarini, navi da guerra, e molti altri sistemi d'arma da guerra acquistati negli ultimi 2 anni (vedi link di approfondimento contenuti nell'articolo citato)

Redazione Informati

carabinieri Cocer
A luglio è stato il Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri Leonardo Galitelli di fronte alle commissioni Difesa della Camera e del Senato, a lanciare un allarme che non può essere taciuto nè sottovalutato che abbiamo riportato nell’articolo Arma dei Carabinieri: soldi insufficienti, poche auto e con meno 12000 uomini.
Successivamente ha fatto sentire la propria voce anche ilCocer dei Carabinieri che è un organo di rappresentanza ma non un sindacato. Il giornaleAvvenire nell’articolo “Sale l’allarme per i tagli alle forze dell’ordine – Così avremo 30mila unità in meno in 3 anni - ” a firma di Vincenzo R. Spagnolo ha riportato la voce  del segretario nazionale dei funzionari di Polizia, Enzo Letizia e del Cocer dei Carabinieri dove si richiedono maggiore attenzioni e fondi per i rispettivi settori rappresentati.

La protesta non si è placata ed oggi L’Unione Sarda.it riporta ancora una volta il grido di allarme del Cocer dei Carabinieri nell’articolo Carabinieri, dura protesta del Cocer: “Lo Stato maltratta chi indossa la divisa” dal quale abbiamo riportato la foto ed uno stralcio: ”Basta con le elemosine, basta con l’una tantum su avanzamenti di grado e assegni di funzione  come per altre criticità, anche per il trattamento economico del personale in divisa, questo governo provveda a reperire i fondi necessari, facendo magari economia su ben noti sprechi della pubblica amministrazione e sulle varie prebende delle varie caste“.

Fonte: donnemanagerdinapoli.com 

Archivio blog