mercoledì 6 novembre 2013

Atene, ispettori troika costretti a scappare da uscita sul retro!

Alta tensione nelle strade di Atene. Popolo greco furioso nelle strade di Atene. Ispettori troika sono stati costretti a uscire da Ministero Finanze attraverso uscita di emergenza. 
 
Popolo greco furioso nelle strade di Atene. Ispettori troika sono stati costretti a uscire da Ministero Finanze attraverso uscita di emergenza.


Proprio qualche ora prima, il primo ministro greco Antonis Samaras aveva affermato con convinzione che la Grecia non è in guerra con gli istituti internazionali che stanno dettando le regole al paese, ovvero Unione europea,Bce e Fondo Monetario Internazionale.


D'altronde, attaccato alla sua poltrona di premier, è difficile pensare che Samaras abbia compiuto personalmente qualche sacrificio: appartiene, lui come altri premier europei, all'esercito di soldatini capitanati dal generale Troika che, ricorrendo più alla logica del bastone che non a quella della carota, continua a imporre la sua sovranità fatta di austerity e tagli al personale.

Quello che davvero la Grecia pensa della sua situazione e soprattutto della troika lo si è visto per l'ennesima volta nelle proteste anti-austerity che si sono svolte ieri ad Atene, con gli abitanti della città che hanno impedito al alcuni alti funzionari di lasciare la sede del Ministero delle Finanze. 

"Prendete il vostro bailout e andate via di qui", hanno urlato con rabbia i manifestanti. Altissima la tensione: solo per fare un esempio, il responsabile della missione dell'Fmi in Grecia, Poul Thomsen, è stato colpito da una raffica di monetine lanciateda un uomo. Gli ispettori, a fine giornata, sono stati costretti inoltre a lasciare la sede del Ministero attraverso l'uscita di emergenza. 

La stessa austerity denunciata dall'ex cancelliere tedesco Gerad Schroder ha colpito duramente la Grecia, che vive il suo sesto anno di recessione, che fa fronte a un tasso di disoccupazione attorno al 30%, e che è un paese straziato da livelli di povertà crescenti e con una perdita del 40% del reddito disponibile della popolazione, da quando la crisi è iniziata.


Tratto da: terrarealtime.blogspot.it

Archivio blog